Contattaci su Whatsapp
Lingua:
Scopri di più
Prenota ora

L’incredibile bellezza delle Dolomiti infuocate al tramonto

2018-01-05T12:02:43+00:00 5 gennaio 2018|Inverno in Val Gardena|

Le Dolomiti sono note in tutto il mondo per la loro spettacolare bellezza, dovuta in gran parte anche alla colorazione rossastra che assumono in particolarti condizioni, soprattutto all’alba ed al tramonto.

Il fenomeno dell’Enrosadira

Questa colorazione è dovuta ad un fenomeno denominato enrosadìra, termine che deriva dal ladino rosadüra o enrosadöra, che significa letteralmente “diventare di colore rosa”.
Il fenomeno dell’enrosadira è dovuto alla composizione della roccia dolomitica, costituita dal minerale dolomite che a sua volta è formato da carbonato di calcio e magnesio.

Quando è possibile osservare le Dolomiti incendiate

Particolarmente diffuso nel periodo estivo, il fenomeno dell’enrosadira può verificarsi anche in altri periodi dell’anno, quando l’aria è particolarmente limpida e il sole si rifrange sulle montagne. Il colore assunto non è sempre lo stesso, anzi: a seconda delle condizioni atmosferiche e del sole, le montagne assumono sfumature differenti di rosa, rosso ed anche violaceo.

La leggenda all’origine dell’enrosadira

La bellezza delle Dolomiti incendiate dal fuoco non poteva che incantare l’immaginario comune e dare origine ad una leggenda, che si tramanda di generazione in generazione e dà un’origine poetica all’enrosadira.

Si narra infatti che il re dei nani Laurino, tanto tempo fa, avesse un giardino di rose sul Catinaccio.
Un giorno il principe del Latemar si incuriosì alla vista del giardino di rose, e decise di addrentrarsi nel regno del re Laurino, dove vide la figlia del regnante e se ne innamorò. Rapì la principessa per farne la sua sposa e Laurino, disperato, lanciò quindi una maledizione sul suo giardino di rose, perché colpevole di aver rivelato la posizione del suo regno all’uomo che rapì sua figlia.
Nessuno, da quel momento, avrebbe più potuto vedere il suo giardino di rose.
La maledizione tuttavia non interessò il tramonto, durante il quale è ancora possibile ammirare la bellezza del suo giardino di rose, posto sulle Dolomiti.

 


 

Condividiamo con voi queste bellissime foto scattate qualche giorno fa da Eugenio Coletti, che ritraggono la bellezza mozzafiato delle Dolomiti al tramonto viste da Selva di Val Gardena.